I tempi della fine (Matteo 24:1-14)

Si sta intensificando la manifestazione di quanto Gesù aveva profeticamente annunciato: il diffondersi di insegnamenti e di comportamenti che rivelano un sempre maggiore distacco da quanto voluto da Dio per il bene dell’uomo, anche se talvolta presentati con connotati “religiosi”. Il mondo pullula sempre più di “falsi profeti” e di “falsi cristi”, segno della crescente disgregazione spirituale e morale dell’uomo.

Continua a leggere...

A 150 anni dall'unità bisogna ancora "fare" gli it

La ricorrenza dei 150 anni trascorsi dall’unità d’Italia (1861-2011) incoraggia il ricordo della visione di servizio e di testimonianza che ebbero i fratelli vissuti in quel tempo e suggerisce una riflessione sul valore che la diffusione dell’Evangelo ha sulla crescita culturale, morale, spirituale ed anche economica di una nazione che è, di conseguenza, una riflessione sul valore del nostro impegno di testimoni, oggi.

Continua a leggere...

Marciare per la libertà religiosa?

Nello scorso mese di giugno si è svolta a Roma una marcia per sollecitare il governo ed il parlamento ad attuare, prima di tutto a livello legislativo, una maggiore libertà religiosa nel nostro Paese. Uno degli anziani dell’assemblea di Roma via Prenestina espone quali sono le ragioni bibliche e storiche che hanno determinato, per il secondo anno consecutivo, la mancata partecipazione della propria chiesa.

Continua a leggere...

Meravigliosa e da osservare

Nella storia dell’uomo c’è una sola realtà che è sempre attuale: la Parola di Dio. La sua denuncia della condizione di miseria morale e spirituale dell’uomo peccatore ha valore per ogni tempo e per ogni popolo, così come il suo messaggio di salvezza. Anche noi oggi, nel nostro tempo e nella nostra storia, siamo chiamati a riscoprire le verità meravigliose contenute in questa Parola e a testimoniarle con la nostra vita.

Continua a leggere...

Haiti, gennaio 2010: tutto già dimenticato?

Il devastante terremoto che ha colpito l'isola caraibica di Haiti ha suscitato sul momento e nei giorni immediatamente successivi un'ondata di emozione e di solidarietà in ogni parte del mondo. Col passare del tempo, sui giornali e in TV, la notizia è gradualmente sfumata fino a scomparire del tutto. Ma eventi del genere non devono cadere nel dimenticatoio, anzi devono incoraggiare una profonda riflessione...

Continua a leggere...